TESTIMONIANZA DEL SIG. SEVERINO SALERA
Data: 23-01-2005Autore: ROBERTO MOLLECategorie: TestimonianzeTag: #today, gari-rapido-area, gari-rapido-fiume

23 gennaio 2005, commemoriamo la Battaglia del Gari

Dopo una visita al monumento dedicato alla Divisione "Texas" al centro di S.Angelo in Theodice, ci fermiamo sul ponte dove esiste il monumento della "Campana alla Pace" e gettiamo nel fiume una corona di fiori rossi. Al nostro cerchio si avvicina un signore anziano, Salera Severino, il quale comincia a raccontarci quanto accadde in questi luoghi; lui, ragazzo di 11 anni, era rimasto con la famiglia vicino al fronte. Anzi il nonno, che conosceva bene l’inglese per essere stato emigrato negli Stati Uniti per diversi anni, era traduttore per gli alti ufficiali americani. Aveva conosciuto da vicino anche il Generale Clark e il nonno, in più occasioni, aveva cercato di far desistere gli americani dall’attacco, avvertendoli degli alti rischi e delle difficoltà che la zona nascondeva. Gli americani avevano anche mandato delle pattuglie a perlustrare la zona vicino al fiume che erano tornate indietro senza perdite; gli alleati pensarono quindi che le posizioni tedesche non fossero molto munite ma i tedeschi non le avevano colpite per non fare scoprire le proprie difese sul fiume.

Affascinati dal suo racconto, ci dà appuntamento ad Antridonati. Questa è una piccola frazione di S. Angelo in Theodice che, peraltro, una volta era comune a sé ed ora è parte di Cassino.
Arrivati al centro del paesino, la gente ci accoglie con calore e semplicità, offrendoci dell’ottimo vino rosso, bevande varie e qualche stuzzichino per placare i primi sintomi di fame. E’ una accoglienza non programmata, spontanea, che ci rende veramente felici; inoltre c’è un bel sole che scalda; Giancarlo si decide e scappotta il "Dodge", sull’esempio della "Willys" di Lillo.

Ma prosegue anche il racconto del nostro amico Severino, che ci appassiona ancora di più. Antridonati si trovava proprio nella terra di nessuno, nei pressi del Fiume Gari nella parte americana; i tedeschi il primo gennaio 44 avevano fatto saltare in aria tutte le case del paese, minando in seguito pesantemente tutta la zona. Tra queste case vi era anche quella della famiglia di Severino; alla metà del mese di gennaio, contravvenendo agli ordini del comando alleato, si avventurò insieme alla madre per vedere se si era salvato qualcosa dalla abitazione distrutta.
Sotto le macerie esce miracolosamente intatta una damigiana di vino; appena riescono a portarla fuori, comincia a passare una lunga fila di soldati americani che vanno verso le prime linee. La madre non ci pensa un attimo e, improvvisata una panca, comincia ad offrire il vino ai soldati; chi riempie un bicchiere, chi una gavetta, chi una borraccia; sono ragazzi, ringraziano e sorridendo scompaiono all’orizzonte.

Qualche giorno dopo Severino sente il cannone tuonare, tre giorni di durissimi combattimenti. Dopo arriva la notizia che, fallito l’attacco, servono volontari per andare a prendere i caduti sul campo di battaglia; si organizza una tregua di tre giorni.
Anche Severino si aggrega a queste squadre, con la speranza anche di rimediare qualche soldo. Giungono in una radura vicino al fiume, sul campo centinaia sono i soldati caduti, inizia l’opera di raccolta.
Ma un particolare terribile colpisce il ragazzo, comincia a riconoscere proprio quei soldati a cui qualche giorni gli aveva offerto il vino; ne avevano ancora le borracce piene.
In quella occasione ricorda anche che vide dei soldati sull’opposta riva che raccoglievano i caduti, scambiarsi sigarette ed altre cose con i soldati tedeschi.

Il suo racconto ci commuove profondamente, tutti rimangono in silenzio in ascolto; il tutto finisce con un applauso liberatorio per ringraziare Severino; attraverso il suo racconto ci ha regalato un pezzo di storia sconosciuta.

Roberto Molle

Nel caso in cui il testo derivi sempicemente dall'esposizione, con o senza traduzione, di documenti/memorie al solo fine di una migliore e più completa fruizione, la definizione Autore si leggerà A cura di.

Articoli associati

INCONTRO CON IL SIG. JACK MCLOUGHLIN

La testimonianza del sig. Jack McLoughlin.

10/04/2005 | richieste: 2795 | ROBERTO MOLLE
Testimonianze | #today, gari-rapido-area, gari-rapido-fiume, usa

THE BLOODY RIVER

Tra il 20 e il 22 gennaio 1944, gli uomini della 36ª Divisione US tentano l'attraversamento del fiume Gari. 5.000 soldati attaccano le munite difese tedesche sull'opposta sponda del fiume, quasi 2.000 non torneranno indietro. E' una delle pagine più terribili della battaglia di Cassino ma anche di tutta la seconda guerra mondiale.

15/01/2004 | richieste: 4741 | ROBERTO MOLLE
Le battaglie | #gennaio 1944, gari-rapido-area, gari-rapido-fiume, usa

ADDIO AL LIBERATORE

Articolo apparso forse sul Corriere della Sera. In questo articolo si da la notizia della morte del generale Clark, il liberatore di Roma.

25/02/2001 | richieste: 4582 | GIOVANNI CAVALLOTTI
Cronache | #today, stampa, veterani-reduci