DAL VOLTURNO A CASSINO
Page links

Il bombardamento aereo dell'Abbazia di Montecassino

La ricerca è sempre in corso e la pagina potrà subire modifiche e integrazioni.

Premessa

La descrizione del bombardamento aereo dell'Abbazia di Montecassino è rintracciabile in vari volumi che trattano delle battaglie per Cassino e il suo svolgimento è stato minuziosamente filmato e ampiamente proposto in filmati e cinegiornali dell'epoca.

Gli autori che si sono di volta in volta cimentati nella narrazione hanno elencato orari, numero di incursioni e/o di aerei, libbre o tonnellate di bombe sganciate, ecc., mettendo in evidenza discrepanze e contraddizioni tra l'una e l'altra descrizione, a volte incorrendo in grossolani errori pur citando le stesse fonti.
Per questo motivo e con il solo intento propositivo, abbiamo deciso di condurre una ricerca per tentare di definire quanto meglio possibile le caratteristiche tecnico-numeriche delle incursioni aeree, cercando corrispondenze e convergenze con le descrizioni bibliografiche e introducendo, dove necessario, alcune motivate ipotesi.

Per chi non conosce questo tragico evento e il contesto in cui avvenne, è consigliabile un passaggio informativo preliminare tramite la lettura sia della Cronologia delle operazioni sia, eventualmente, degli articoli correlati.

La ricerca: presupposti e finalità

La ricerca ha avuto come base di avvio quella che a nostro avviso è la più completa descrizione, almeno dal punto di vista numerico, delle incursioni aeree sull'Abbazia, anch'essa comunque non priva di imprecisioni:

"Between 09.25 and 10.05hrs on the 15th February a force of 142 B-17's (37 from 2nd Bomb Group, 35 from 97th Bomb Group, 38 from 99th Bomb Group and 32 from 310th Bomb Group) dropped 387 tons of 500lb general purpose bombs and 66 tons of 100lb incendiary bombs on the abbey buildings and courtyards from heights between 15,000ft and 18,000ft. Within the hour a further 87 B-25's (from the 321st and 340th Bomb Groups) and B-26's (from 319th Bomb Group) added their contribution of 283 1,000lb bombs.

On the 16th the Desert Air Force launched 72 Kittyhawks in poor weather to continue the bombardment. Only 40 reached the Abbey to drop 14.5 tons of 500 and 1,000lb bombs. The next day 51 Kittyhawks bombed the abbey. Five groups of Mustangs and Kittyhawks bombed the abbey again on the 17th february between 16.00 and 17.00hrs, but the weight of bombs for both days only totalled 23.5 tons."

Andrew J. Brookes, Air War Over Italy, Ian Allan Pubblication, 2000

descrizione che abbiamo affiancato alla "stringata" cronologia ufficiale dell'USAAF:

COMBAT CHRONOLOGY OF THE US ARMY AIR FORCES - FEBRUARY 1944
TUESDAY, 15 FEBRUARY 1944
MEDITERRANEAN THEATER OF OPERATIONS (MTO)

STRATEGIC OPERATIONS (Fifteenth Air Force): In Italy, around 100 B-17s bomb the Monte Cassino Benedictine Abbey. ...

TACTICAL OPERATIONS (Twelfth Air Force): In Italy, B-26s and B-25s bomb the Monte Cassino Benedictine Abbey in support of the New Zealand Corps assault to establish a bridgehead across the Rapido River S of Cassino; ...

WEDNESDAY, 16 FEBRUARY 1944

... P-40s attack Monte Cassino Abbey, pound tanks, trucks, and troop concentrations along the US Fifth Army front, and hit the towns of Fondi and Roccasecca; ...

THURSDAY, 17 FEBRUARY 1944

A-36s bomb Monte Cassino Abbey in the only air action on the US Fifth Army main front.

Combat Chronology of the US Army Air Forces - February 1944

e al resoconto redatto da Molony nella sua estesa opera:

Between 9.25 a.m. and 10.5 a.m. 135 Fortress, flying at heights between 15,000 and 18,000 feet, dropped 257 tons of 500-lb bombs and 59 tons of 100-lb incendiaries on the Abbey. Then between 10.35 a.m. and 1.32 p.m. 47 Mitchells and 40 Marauders dropped 283 bombs, each of 1,000 lb, also on the Abbey.
...
As regards air support the whole Tactical Bomber Force and U.S. XII Air Support Command had been switched to Anzio on 16th February. On that day, however, 40 R.A.F. Kittyhawks of the Desert Air Force crossed the Appennines in bad weather and dropped 14 tons of bombs on the Abbey, to wich 10 Americans Kittyhawks added 4 tons. On 17th February 35 R.A.F. Kittyhawks fron the Desert Air Force ad 16 American Kittyhawks dropped 20 tons of bombs, again on the Abbey.

C.J.C. Monoly, The Mediterranean and the Middle East, (History of the Second World War, Her Majesty’s Stationery Office, London, 1973 - pp. 713, 715

Questi tre resoconti del bombardamento, non privi di discrepanze, costituiscono, insieme, la base di informazioni che abbiamo utilizzato come traccia per approfondire la ricerca, trovare i necessari riscontri, aggiungere ulteriori tasselli e perchè no apportare anche le eventuali precisazioni e/o correzioni.

La ricerca ha compreso la consultazione degli War Diaries dei gruppi di bombardamento e/o dei singoli squadroni, gli Operations Record Books relativi agli squadroni di caccia bombardieri, numerosi siti internet specializzati e ovviamente un'ampia bibliografia in materia.

Il risultato, sicuramente parziale e migliorabile, è didascalicamente esposto nelle tabelle che seguono.

Proprio perchè il senso di questa ricerca (ancora in corso) è quello di precisare quanto meglio sia possibile i numeri delle incursioni aeree, l'aspetto narrativo della vicenda si limiterà solo ad alcuni accenni di inquadramento generale, rimandando agli articoli correlati presenti in questo sito la descrizione narrata del bombardamento.

Situazione del fronte e motivazioni alleate

Il bombardamento del Monastero costituisce il prologo alla seconda battaglia per Cassino (operazione "Avenger"). Nei piani degli alleati ciò avrebbe dovuto favorire gli attacchi da attuare nelle ore immediatamente successive, cosa che non avvenne.

L'analisi delle motivazioni e delle responsabilità militari, continuata anche dopo la guerra, è sostanzialmente riassunta in questi passaggi tratti dal libro di Nando Tasciotti:

... E' stata una "necessità militare", hanno invece sempre dibattuto gli inglesi (e sopratutto i neozelandesi), accusando dapprima i tedeschi di essersi insediati all'interno del monastero e di averlo trasformato in "fortezza"; poi, di fronte all'evidenza contraria, di aver comunque fatto uso militare delle sue immediate vicinanze (ed era vero), non rispettando l'area di neutralità di 300 metri - che essi stessi, i tedeschi, avevano inizialmente delimitato - e collocando anzi postazioni di tiro e depositi di munizioni nelle caverne sotto le mura millenarie..."

Nando Tasciotti, MONTECASSINO 1944 - ERRORI, MENZOGNE E PROVOCAZIONI, Castelvecchi Edizioni, Roma 2014

Sulla tesi della necessità, militare e/o politica, di distruggere l'abbazia di Montecassino si legga:
John G. Clement, THE NECESSITY FOR THE DESTRUCTION OF THE ABBEY OF MONTE CASSINO, Fort Leavenworth, Kansas 2002.

* * *

Le incursioni aeree

Le incursioni furono eseguite da aerei che decollarono dalle basi alleate collocate nel territorio italiano già conquistato dalle truppe anglo-americane.

Oltre al massiccio bombardamento del 15 febbraio 1944, l'Abbazia venne ancora ripetutamente colpita nelle giornate seguenti del 16 e 17 febbraio 1944. Mentre le condizioni metereologiche del 15 erano eccellenti anche per il bombardamento da alta quota, quelle dei due giorni seguenti furono veramente pessime e diverse missioni sul Monastero non vennero concluse oppure lo furono solo parzialmente. Un elevato numero di aerei (in rapporto a quelli decollati) non riuscì infatti ad individuare l'obbiettivo a causa delle nuvole fitte e basse.

15 febbraio 1944

Le azioni sono compiute solo da aerei dell'aviazione americana.

15 Air Force - 5th Bombardment Wing (heavy bomber)

BG BG MSN BS A/C type A/C t.o. t.t.o. A/C o.t. t.o.t. Bomb loaded (1) Bomb dropped
2nd 144 20th
49th (5)
96th
429th
B-17 37 (2) 07:00 36 (3) 09:25 (4) Gp 36 x 12 x 500 lb Gp 36 x 12 x 500 lb
99th 150 346th
347th (6)
348th
416th
B-17 38 (10) nd 38 nd Gp 38 x 12 x 500 lb Gp 38 x 12 x 500 lb
301st (9) 224 (7) 32nd
352nd
353th (8)
419th
B-17 32 (9) nd 32 09:43 (9) Gp 32 x 12 x 500 lb Gp 30 x 12 x 500 lb (9)
97th nd 340th
341st
342nd
414th
B-17 35 (10) nd 35 nd Incendiary 35 x 42 x 100 lb Incendiary 35 x 42 x 100 lb
142 141
I numeri in corsivo si intendono stimati o ipotizzati in quanto non si è reperito un documento che possa confermare.
  1. Le informazioni sul numero di bombe caricate sono derivate da: Bradford A. Evans, "THE BOMBING OF MONTE CASSINO", Pubblicazioni Cassinesi, 1988 – Operations Order issued by the Fifth Bomb Wing – APO 520, 14 February 1944.
  2. Bradford A. Evans, op. cit. – “Mission results summary issued by the 2nd Bomb Group after the mission”: 1 A/C mission abortive.
  3. Elaborazione dell’autore a partire da: Bradford A. Evans, op. cit. – “The formation order for the 2nd Bomb Group” e "2nd Bomb Group Research Database": BS20th: 9 A/C, BS49th: 9 A/C, BS96th: 12 A/C, BS429th: 6 A/C.
  4. Bradford A. Evans, op. cit., pag. 22
  5. Si veda la fotografia aerea in DVaC (3808)
  6. "Flying Flak Alley: Personal Accounts of World War II Bomber Crew Combat".
  7. 32nd Bomb Squadron, 1942 -1945, Web-Site 301st - Bomb Group Mission Summary of the: 32nd, 352nd, 353rd and 419th Bomb Squadrons (http://32ndbombsquadron.com/32ndmissns.html).
  8. 301st Bomb Group, 353rd Bomb Squadron, War Diary - February 10-21, 1944
  9. 301st Bomb Group, Mission Report - February 15, 1944 (anche se con minime differenze si veda la fotografia aerea in DVaC (3202))
  10. Per confronto si veda http://www.ibiblio.org/hyperwar/USA/USA-MTO-Salerno/USA-MTO-Salerno-23.html#fn31
    "... A detailed breakdown of the morning bombardment shows the Twelfth Air Force contributing 87 medium bombers (40 B-26's of the 319th Bomber Group, 35 B-25's of the 340th Bomber Group, and 12 B-25's of the 321st Bomber Group), and the Fifteenth Air Force contributing 142 heavy bombers (37 B-17's of the 2d Bomber Group, 35 B-17's of the 97th Bomber Group, 38 B-17's of the 99th Bomber Group, and 32 B-17's of the 301st Bomber Group)... ."

Altri documenti

  • Fifteenth Air Force bomber tail markings, spring 1944 - april 1945. 5th Wing, B-17 Type Aircraft
  • 301st Bomb Group History Book "Who Fears" (part)
  • 12 Air Force - 57th Bombardment Wing (medium bomber)

    BG (1) BG MSN BS A/C type A/C t.o. t.t.o. A/C o.t. t.o.t. Bomb loaded Bomb dropped
    340th nd 486th (2) B-25 12 10:06 12 10:59 nd Gp 36 x 1000 lb
    487th (3) 6 nd 6 10:59 nd Gp 23 x 1000 lb
    488th (4) 11 nd 11 11:02 Gp 35 x 1000 lb Gp 32 x 1000 lb
    489th (5) 6 nd 6 11:00 nd Gp 23 x 1000 lb
    321st 212 (6) 445th
    446th
    447th
    448th
    B-25 8
    9
    9
    10
    10:10 3
    2
    7
    0
    11:15 nd Gp 48 x 1000 lb
    319th (7) 172 (8) 437th B-26 22 (13) nd 20 13:50 nd Gp 30 x 1000 lb (9)
    438th nd Gp 30 x 1000 lb
    439th 22 (10) 10:57 (11) 20 13:26 nd Gp 30 x 1000 lb
    440th nd Gp 30 x 1000 lb
    115 87 (12)

    I numeri in corsivo si intendono stimati o ipotizzati in quanto non si è reperito un documento che possa confermare.

    1. Basato sulle informazioni tratte da: http://57thbombwing.com/
    2. http://57thbombwing.com/340th_History/486th_History/7_Hist_Feb_1944.pdf
    3. http://57thbombwing.com/340th_History/487th_History/12_Hist_Feb_1944.pdf
    4. http://57thbombwing.com/340th_History/488th_History/9_Diary_Feb_1944.pdf,
      http://57thbombwing.com/340th_History/488th_History/8_Hist_Feb_1944.pdf
    5. http://57thbombwing.com/340th_History/489th_History/7_Hist_Feb_1944.pdf
    6. 321th BG - Resoconto della missione n. 212.pdf
    7. http://57thbombwing.com/319th_History/319-BG-1944-01-03.pdf,
      http://57thbombwing.com/319th_History/319-BG-1942-1944 Summary of Ops.pdf.
    8. David Hapgood – David Richardson, "MONTE CASSINO", Rizzoli Editore – 1985, p.216, nota 145.
    9. Ogni B-26 poteva caricare un massimo di 4 bombe da 1000 lb; si è fatta però l'ipotesi che, per entrambe le missioni, gli aerei abbiamo sganciato un numero di bombe mediamente analogo a quello dei B-25.
    10. David Hapgood – David Richardson, op. cit., p. 216.
    11. Orario indicato sia in "440th BS war diary", sia in David Hapgood – David Richardson, op.cit., p.216.
    12. Per confronto si veda http://www.ibiblio.org/hyperwar/USA/USA-MTO-Salerno/USA-MTO-Salerno-23.html#fn31
      "... A detailed breakdown of the morning bombardment shows the Twelfth Air Force contributing 87 medium bombers (40 B-26's of the 319th Bomber Group, 35 B-25's of the 340th Bomber Group, and 12 B-25's of the 321st Bomber Group), and the Fifteenth Air Force contributing 142 heavy bombers (37 B-17's of the 2d Bomber Group, 35 B-17's of the 97th Bomber Group, 38 B-17's of the 99th Bomber Group, and 32 B-17's of the 301st Bomber Group)... .".
    13. Ipotesi sulla seconda missione del 319th BG. Testo dell'e-mail di Daniel Setzer (57th Bomb Wing Association Historian/Archivist) all’autore in data 17/02/2014:

      "Each of the four squadrons in the 340th Bomb Group had 20 to 25 combat aircraft at any one time. I would expect that to be the case for the squadrons of the 319th also. It is most likely that it was not the same aircraft that ran both missions. They probably called for two of their squadrons for the first mission, then the other two for the second mission."

      Le due missioni sono confermate anche nel "440th BS war diary" dove alla data del 15 febbraio si dice: "... . We actually performed two mission on the Abbey 15 minutes apart" e dal 319-BG-1942-1944 Summary of Ops in cui due fotografie degli esiti dell'azione sono denominate "1st mission" e "2nd mission".
      Gli aerei per la seconda missione sono stati ipotizzati dello stesso numero della prima.

    Totale bombe

    units A/C o.t. type weight loaded n loaded lb dropped n dropped lb dropped t
    15AF 106 Gp 500 lb 1.272 636.000 1.248 624.000 283
    15AF 35 incendiary 100 lb 1.470 147.000 1.470 147.000 66,7
    12AF 87 Gp 1000 lb 322 322.000 282 282.000 123
    228 3000 472,7

  • Si consideri che solo una parte delle bombe sganciate (dropped) colpì effettivamente le strutture dell'Abbazia.
  • 1 t = 2205 lb
  • Le rilevazioni degli orari sul bersaglio

    Una delle informazioni che nelle diverse narrazioni del bombardamento risulta variamente riportata è l'orario, rilevato da testimoni a terra, in cui le ondate di aerei si sono presentate nel cielo sopra Montecassino.
    Nella tabella che segue confronteremo alcune fonti disponibili con quello che ipotizziamo fosse l'ordine sul bersaglio delle varie formazioni, collocando gli orari rilevati con la migliore corrispondenza disponibile.

    Gli orari evidenziati sono quelli verificati o più attendibili.

    BG order on
    target
    time on
    target (1)
    Testimonianze
    A B - - - -
    15AF 2nd 1 09:25 (2) 09:20 09:25
    15AF 99th 2 09:35 09:35 09:40
    15AF 301st 3 (6) 09:43 (3) 09:50 10:10 (4)
    15AF 97th 4 10:40 10:50 10:40 (5)
    12AF 340th 5 11:00 10:50
    12AF 321st 6 11:15 11:10
    12AF 319th 7 13:26 13:10 13:05
    12AF 319th 8 13:50 13:20 13:25
    1. 15AF - Ipotizzato intervallo uguale a quello indicato in Bradford A. Evans, op.cit. - APO 520 14 February 1944 1230A - Operations Order : "2. Thirty-six (36) B-17s each of the 2nd, 99th, 301st and 97th Bomb Gps will attack and destroy at 15 minute interval, the MONASTERY";
      12AF - 340th e 321st orari rilevati dai War Diary dei gruppi da bombardamento (vedi note in tabelle precedenti);
      12AF - 319th orari rilevati da David Hapgood – David Richardson, op.cit., pag.216.
    2. Bradford A. Evans, op. cit., pag. 22
    3. 301st Bomb Group, Mission Report - February 15, 1944
    4. Indicati come "....medium bomber" ???
    5. Confermate con questa ondata le bombe incendiarie, quinid si tratta sicuramente del 97th BS.
    6. "third wawe..." 301st Bomb Group History Book "Who Fears" (part)

    Testimonianze

    1. Armando Carotenuto dalla collina di S. Michele; in E. Grossetti – M. Matronola, "IL BOMBARDAMENTO DI MONTECASSINO – DIARIO DI GUERRA", Pubblicazioni Cassinesi – 1988, p. 165:

      15 febbraio - Bombardamento di Montecassino: ore 9.20, 9.35, 9.50, 10.50, 11.10, 13.10, 13.20, (a formazioni di 36) fortezze volanti: 142 e bombardieri medi: 112. Da lontano ci sembra che la cupola della basilica sia stata colpita dalle prime bombe. Nel pomeriggio caccia-bombardieri continuano a colpire la montagna di Montecassino e la Rocca Janula.

    2. Diario della U.S. Cannon Company, 133rd Infantry Regiment; in LA DISTRUZIONE DELL'ABBAZIA DI MONTECASSINO NEL DIARIO DELLA U.S. CANNON COMPANY, 133rd INFANTRY REGIMENT

    16 febbraio 1944

    Le azioni sono compiute da aerei appartenenti alla aviazione del Commonwealth.

    12 Air Force

    FG FS/SQN MSN FS/SQN A/C type A/C t.o. t.u. A/C o.t. t.o.t. t.d. Bomb loaded Bomb dropped
    79th nd 85th P-40
    nd 86th
    nd 87th
    86th nd 525th A-36
    nd 526th (2) 12
    nd 527th
    No.239 WING RAF (3) nd No.3 RAAF (4) P-40 12 13:10 14:15 15:10 3 x 1000lb + 8 x 500lb
    nd No.112 RAF (5) 12 13:30 14:10 0
    nd No.250 RAF (6) 12 12:50 14:25 12 x 1000lb + 6 x 500lb
    nd No.260 RAF (7) - - - - - - -
    nd No.450 RAAF (8) 12 13:50 14:45 0
    156 No.5 SAAF (9) 12 15:50 17:30 10 x 1000lb
    72

    I numeri in corsivo si intendono stimati o ipotizzati in quanto non si è reperito un documento che possa confermare.

    1. "One a second mission ... the target was completely missed, ..." 526th Fighter Bomber Squadron War Diary.
    2. "At Cutella there were six squadrons flying P40 Kittyhawks (3 and 450 RAAF, 112, 250 and 260 RAF, and 5 SAAF) plus several Spitfire squadrons and an air-sea rescue Walrus.... ." from 3 Squadron Memories in Cutella, Italy by BRUCE BURCHFIELD.
    3. "... the bombing was excellent all landing on the MONASTERY..." RAAF Unit History sheets (Form A50) Number 3 Squadron (pp.151, 161).
    4. "Abortive due to wheater..." No.112 RAF Squadron Operations Record Book - February 1944 (in possesso dell'autore).
    5. "18 bombs..." No.250 RAF Squadron Operations Record Book - February 1944 (in possesso dell'autore).
    6. Nessuna missione. No.260 RAF Squadron Operations Record Book - February 1944 (in possesso dell'autore).
    7. "...returns with bombs..." RAAF Unit History sheets (Form A50) Number 450 Squadron (pp.879, 880, 887, 888).
    8. No.5 SAAF Squadron War Diary - February 1994 (in possesso dell'autore).

    Testimonianze

    • Armando Carotenuto dalla collina di S. Michele; in E. Grossetti – M. Matronola, "IL BOMBARDAMENTO DI MONTECASSINO – DIARIO DI GUERRA", Pubblicazioni Cassinesi – 1988, p. 165:

      16 febbraio - Bombardamento di Montecassino: 18 aerei alle ore 13.25 ed alle ore 13.35, 16 aerei alle ore 13.55 ed alle ore 14.00. Altri 10 aerei alle ore 16.45 bombardano la zona circostante l’Abbazia.

    17 febbraio 1944

    12 Air Force

    Le azioni sono compiute da aerei appartenenti alla aviazione americana e a quella del Commonwealth.

    FG FS/SQN MSN FS/SQN A/C type A/C t.o. t.u. A/C o.t. t.o.t. t.d. Bomb loaded Bomb dropped
    79th nd 85th P-40
    nd 86th (10) 8 8 8 x 1000lb 8 x 1000lb
    nd 87th
    86th nd 525th (1) A-36 12 16:20 6+6
    nd 526th (2) 12
    nd 527th (3) 12
    No.239 WING RAF nd No.3 RAAF (4) P-40 12 15:45 16:20 17:30 2 x 1000lb + 9 x 500lb
    nd No.112 RAF (5) 12 15:25 17:15 0
    nd No.250 RAF (6) 12 15:35 17:10 9 bombs
    nd No.260 RAF (7) - - - - - - -
    nd No.450 RAAF (8) 12 15:05 17:00 0
    157 No.5 SAAF (9) 11 14:50 16:45 10 bombs
    95

    I numeri in corsivo si intendono stimati o ipotizzati in quanto non si è reperito un documento che possa confermare.

    1. "One 12 ship mission... led Lt. Weigle... 6 direct bombs hits were secured, as well as several near misses on either side." 525th Fighter Bomber Squadron War Diary.
    2. "One mission was flow today, after which a stand down as declared..." 526th Fighter Bomber Squadron War Diary.
    3. "A 12 ship mission this morning, then stand down balance of day..." 527th Fighter Bomber Squadron War Diary.
    4. RAAF Unit History sheets (Form A50) Number 3 Squadron (pp.152, 161).
    5. "Abortive due to wheater..." No.112 RAF Squadron Operations Record Book - February 1944 (in possesso dell'autore).
    6. No.250 RAF Squadron Operations Record Book - February 1944 (in possesso dell'autore).
    7. Nessuna missione. No.260 RAF Squadron Operations Record Book - February 1944 (in possesso dell'autore).
    8. "...returns with bombs..." RAAF Unit History sheets (Form A50) Number 450 Squadron (pp.879, 880, 887, 888).
    9. No.5 SAAF Squadron War Diary - February 1994 (in possesso dell'autore).
    10. David Hapgood – David Richardson, "MONTE CASSINO", Rizzoli Editore, 1985, p. 229.

    Testimonianze

    • Armando Carotenuto dalla collina di S. Michele; in E. Grossetti – M. Matronola, "IL BOMBARDAMENTO DI MONTECASSINO – DIARIO DI GUERRA", Pubblicazioni Cassinesi – 1988, p. 165:

      17 febbraio - Bombardamento di Montecassino e delle montagne circostanti, 18 caccia-bombardieri alle ore 15.40 e 15.45. A gruppi di otto aerei alle ore 16.10, 16.15, 16.30.
      Dalle prime ore del pomeriggio, per oltre cinque ore, violento cannoneggiamento su Cassino. Notizie fornite da ufficiali americani parlano di 500 cannoni.

    I piloti

    E’ genericamente noto che l’Abbazia venne bombardata dall’aviazione "americana" con la grande azione del 15 febbraio 1944.
    Le incursioni aeree sul Monastero continuarono però anche i due giorni seguenti ed in queste missioni all'aviazione americana si aggiunse l’aviazione del Commonwealth.

    Per le azioni svolte dall’USAAF, è facile e corretto derivare la nazionalità americana degli equipaggi mentre per le missioni svolte dall’aviazione del Commonwealth registriamo la presenza di piloti di varie nazionalità.
    La "No. 239 WING RAF", la grande unità aerea con base a Cutella (Chieti), raggruppava infatti squadriglie e piloti appartenenti a forze aeree e nazioni diverse:

    Le squadriglie appartenevano alla RAF, RAAF e SAAF e quindi vi militavano, in particolare, piloti inglesi, australiani e sudafricani, ma erano presenti anche piloti appartenenti ad altre nazionalità: neozelandesi (No. 3 SQN RAAF, No. 450 SQN RAAF), canadesi (No. 112 SQN RAF) e americani (No. 112 SQN RAF).
    Da segnalare che nel No. 112 SQN RAF erano presenti anche diversi volontari, sia americani (volunteers) sia inglesi (RAFVR).

    Ma chi erano gli uomini che bombardarono l’Abbazia?
    Leggendo i mission reports abbiamo individuato i nomi dei comandanti delle singole missioni e di altri piloti. Li elenchiamo nel seguito, aggiungendo le informazioni che abbiamo reperito:

    * * *

    Testimonianze e commenti, la stampa e i comunicati.

    David Hapgood – David Richardson, MONTE CASSINO, Rizzoli Editore – 1985, p.210.

    Da un’intervista di Richardson con Eaker.

    "... Alcuni osservatori notarono che non tutte le Fortezze avevano centrato il bersaglio.
    Uno di questi era il comandante del bombardamento strategico, generale Eaker. Eaker riferì in seguito che lui e il suo amico generale Devers erano sdraiati bocconi su un tetto, dall’altra parte della valle del Liri. "Ma quelle bombe cadranno giuste lassù?" chiese ad un certo punto Devers. "Ho paura di no" ammise Eaker. Le bombe esplosero alle loro spalle, fra i loro veicoli, a cinque chilometri dall’obbiettivo. Almeno per Eaker, quel giorno non fu una perfetta dimostrazione del bombardamento di precisione ad alta quota."

    ibidem, p. 211.

    F. von Senger, Krieg in Europa, (trad. it. cit., p.358), e diario di Senger.

    "Le esplosioni scossero porte e finestre nel castello italiano di Castelmassimo che il generale von Senger usava come comando. Le persone all’interno udirono una formidabile serie di esplosioni. "Che diavolo sta succedendo?" urlò un ufficiale. Il generale sapeva di cosa si trattava. Secondo il suo aiutante, Senger continuò a ripetere: "Che idioti! Hanno finito per farlo, tutti i nostri sforzi sono stati inutili"."

    ibidem, p. 220.

    Geoffrey Cox, The Road to Trieste, Londra, 1947, p.81.

    "Per uno scrittore inglese, Geoffrey Cox, l’avvenimento fu memorabile come spettacolo: "Ben di rado, in tutta la guerra, riesci a vedere qualcosa di veramente spettacoloso. Noi l’abbiamo visto nel grande bombardamento aereo di Montecassino, perché lassù le montagne e il monastero e il castello in rovina fornirono un vero e proprio scenario teatrale"."

    ibidem, p. 220-221.

    Lettera di Sidney B. Waugh in data 3 marzo 1944. La lettera e brani del suo diario sono riprodotti con l’autorizzazione della Biblioteca Jones di Amherst, Mass.

    "Un americano, un artista incaricato di mettere in salvo il lavoro di altri artisti, trovò nella distruzione di quel giorno, motivo di selvaggia soddisfazione. Sidney Biehler Waugh, a trentanove anni, era un noto scultore e come capitano dell’esercito era stato assegnato – con sua grande contrarietà, sostenne – all’ufficio Monumenti, Belle Arti e Archivi. Waugh odiava questo tipo di lavoro. Scrisse a suo fratello che era diretto da "sentimentali in uniforme... che avrebbero volentieri sospeso la guerra per salvare qualche piccolo avanzo delle loro preferenze, o che sono qui a prendere appunti per tutte le conferenze che terranno nei prossimi cinque anni, una volta tornati all’università di Princeton".
    Waugh sostenne che il divieto di bombardare Montecassino venne tolto: "in parte grazie ai miei sforzi".
    Nel suo diario, il giorno 9 febbraio, aveva scritto: "Credo sinceramente che sia tutta colpa di quella maledetta abbazia – dei sentimentali criminali che non rinunciano all’idea della Santità della Chiesa di Roma".
    Dopo aver assistito alla distruzione di Montecassino, Waugh scrisse nel suo diario: "Non posso ricordare niente di ciò che ho visto o fatto, che mi abbia dato più gioia dello spettacolo di quella abbazia cancellata dalla vetta di quella collina… Ero felice di assistere al crollo simbolico della tradizione delle chiese e dei monumenti"."

    ibidem, p. 221.

    Lettera di Martha Gellhorn a Richardson in data 24 luglio 1979.

    "Martha Gellhorn, una delle migliori giornaliste inviate sul fronte italiano, scriverà con rimpanto: "Ricordo il momento preciso del bombardamento di Montecassino. L’ho osservato, seduta su un muretto di pietra o la spalletta di un ponte, e ho visto gli aerei arrivare e sganciare, poi il monastero trasformarsi in una nuvola di polvere e ho sentito le grandi esplosioni, e sono anch’io, come tutti gli altri sciocchi, rimasta entusiasta al punto di applaudire"."

    ibidem, p. 222.

    F. Jones, Report on the Events Leading to the Bombing of the Abbey of Monte Cassino, cit., p.57.

    "Quella sera (15 febbraio ndr), alle 21,45, il ministro britannico presso il Vaticano, sir D’Arcy Osborne, telegrafò al Foreign Office a Londra quel che gli aveva detto il Vaticano:
    "Il 14 febbraio l’ambasciatore tedesco presso la Santa Sede ha trasmesso all’abate primate dei benedettini la seguente dichiarazione: "Le autorità militari tedesche sostengono che le notizie di lavori difensivi tedeschi all’abbazia di Montecassino sono false. E’ assolutamente falso che vi siano pezzi di artiglieria, mortai o mitragliatrici. Non vi sono grossi concentramenti di truppe nella zona [nelle vicinanze di Montecassino]. E’ stato fatto tutto il possibile per evitare che Montecassino diventi un centro di traffico [Durchgangplatz].""""

    ibidem, p. 225.

    Air Support Control, comando V armata, rapporto 7 aprile 1944.

    Quel pomeriggio (16 febbraio n.d.a) i bombardieri alleati tornarono a Montecassino, ma sganciarono solo una piccola parte delle bombe del giorno precedente. Quarantotto cacciabombardieri sganciarono soltanto ventiquattro tonnellate di bombe, due terzi circa di quel che il generale Freyberg aveva chiesto per la prima volta.

    ibidem, p. 229

    L’ambulanza arrivò verso le 16:30 (17 febbraio n.d.a.)...
    Dom Matronola cercò di sbirciare dai finestrini coperti da tendine dell’ambulanza. Diede un’occhiata verso Montecassino, e vide aerei sorvolare la vetta della montagna, fumo nero levarsi dalle rovine e udì grosse esplosioni. Fu l’ultima cosa che vide del monastero.

    ibidem, p. 229.

    Lettera di Erwin R. Silsbee a Richardson in data 27 luglio 1976.

    Erwin Randolph Silsbee era uno degli aviatori americani che bombardarono quel giorno (17 febbraio n.d.a.) le rovine. Silsbee comandava una squadriglia di otto cacciabombardieri. Quando il suo aereo fu sopra l’abbazia, Silsbee non poteva vedere niente, come ricordò in seguito, tranne "un contorno generale delle mura, e una distruzione pressoché totale. ....... Mentre portava giù il suo aereo in picchiata per sganciare la bomba da 500 chili, Silsbee avrebbe giurato di aver notato lampi di spari tra le rovine."

    ibidem, p. 230.

    Air Support Control, comando V armata, rapporto 7 aprile 1944, cit.

    Complessivamente cinquantanove cacciabombardieri scaricarono quel giorno (17 febbraio n.d.a.) ventitré tonnellate di bombe sulle rovine.

    * * *

    Articoli

    Immagini

    4007
    4006
    4005
    4004
    4003
    4002
    4001
    4000
    3999
    3998
    2806

    Ringraziamenti

    Copyright © 2017 dalvolturnoacassino.it