UN POLACCO ISLAMICO
Data: 12-10-2005Autore: SAVERIO MALATESTACategorie: SpigolatureTag: #today, cimiteri, polonia

UN POLACCO ISLAMICO

Un soldato di religione islamica tra i polacchi che combatterono in Italia? Ebbene sì, c’è stato. Si chiamava Suleyman Rodkiewicz, morì il 27 giugno 1944 e fu sepolto nel cimitero di Loreto.

Ma andiamo con ordine.
Quest’estate trovandomi nelle Marche decido di visitare Loreto e la sua splendida basilica. Mi accorgo che sulla guida turistica che porto con me è segnalato il Cimitero Polacco di Loreto e decido di visitarlo. Convinco (e costringo) la mia ragazza ad accompagnarmi e preparo la macchina fotografica per prendere alcune immagini del luogo.
Raggiungere il cimitero non è comodissimo, bisogna scendere una lunga e scomoda scalinata, ma il desiderio d’arrivare è più forte di tutto. Arrivando nei pressi del luogo sacro subito mi colpisce una cosa: a fianco del cimitero si trova un recinto per animali da cortile, in prevalenza piccioni, galline, tacchini e pennuti di ogni genere; niente a che vedere con il magnifico paesaggio del sacrario di Montecassino. L’odore nei dintorni, di conseguenza, non è dei più consoni a un luogo come un campo santo e la mente subito va ai cimiteri inglesi così perfetti e curati.

Vabbè mi dico, la storia dei polacchi la conosciamo tutti e non poteva essere altrimenti.
Inizio con curiosità a girare tra le tombe. Non ci sono le date di nascita ma di sicuro sono tutti ragazzi giovani come me, forse anche più giovani e il magone mi si stringe in gola come tutte le volte che entro in un cimitero militare. Scendo delle scalette che portano nella parte più bassa del cimitero e noto, in fondo, delle lapidi diverse dalle altre, senza croce e con dei piccoli sassi appoggiati di fianco. Sono soldati polacchi ebrei, come quei tanti che vennero sterminati nei campi di concentramento.
Mi spingo ancora più in fondo e vedo una tomba con incisa una mezzaluna; si trova nella parte più remota del campo come se qualcuno avesse voluto nasconderla o peggio dimenticarla. Potete immaginare il mio stupore. Chi l’avrebbe mai detto: un polacco di religione islamica. Apparteneva (mi pare di capire) al 12° reggimento esplorante Lancieri di Podolia e probabilmente morì durante i combattimenti che portarono alla liberazione di Macerata, il 30 giugno 1944.

In questo periodo in cui sembra che si possa profilare uno scontro di civiltà e di religioni, ecco un esempio che dimostra come siano possibili invece convivenza e comunità d’intenti, anche fra persone di fede religiosa diversa.
Non so nulla di lui e mi piacerebbe tanto conoscere la sua storia, ma una cosa per adesso mi sento di dirgliela: onore anche a te Suleyman.

1191
1188
1189
1190

Integrazione del 24/07/2011

Ho ricevuto la seguente e-mail dall'autore:

Ciao Valentino,
tempo fa avevo indagato sul polacco musulmano di cui avevo scritto sul sito, ricevendo una risposta dettagliata dal ministero della difesa tramite il Sikorski museum a Londra; se ti interessa da aggiungere come collegamento all'articolo ti giro la scansione.
Era di origini tartare, che spiega il suo credo religioso, e ricevette una croce di bronzo al merito (cross of Monte Cassino).
Fammi sapere. Ciao Saverio.

Eccome se ci interessa, ecco il collegamento: Ministry of Defence, APC Polish Enquiries - Sulejman Rodkiewicz

Nel caso in cui il testo derivi sempicemente dall'esposizione, con o senza traduzione, di documenti/memorie al solo fine di una migliore e più completa fruizione, la definizione Autore si leggerà A cura di.

Articoli associati

INTERVISTA AL GENERALE JAN Z. ZAREMBA

Sottotenente di un reparto corrazzato, combattè sul fronte di Cassino. In questa intervista, rilasciata a Luigi Grimaldi, racconta la sua vicenda nei giorni seguenti la presa del Monastero.

08/12/2003 | richieste: 3577 | LUIGI GRIMALDI
Testimonianze | #today, polonia, veterani-reduci

SZCZEPAN MIECZYSLAW SOBCZYK - UN SOLDATO POLACCO

La biografia di un soldato polacco caduto nella Battaglia di Cassino. Roberto Molle ci parla di uno di quei giovani che, animati da grande coraggio, pensavano che combattendo i tedeschi anche in terra straniera, avrebbero riconquistato la libertà del loro paese...

14/10/2003 | richieste: 2865 | ROBERTO MOLLE
Ricerche | #today, polonia, protagonisti

I POLACCHI SUL FRONTE DI CASSINO

Quando nel marzo del 1944 gli venne richiesto se il II Corpo d’Armata polacco poteva assumersi la responsabilitá di iniziare l'attacco su Monte Cassino, per il generale Wladyslaw Anders fu un momento di estrema importanza.

24/07/2002 | richieste: 4184 | JAN E. JUREK
Le battaglie | #maggio 1944, polonia, unità-reparti