LUIGI LAVIOSA - BATTAGLIONE BAFILE
Data: 17-08-2005Autore: MAURIZIO BALESTRINOCategorie: TestimonianzeTag: #aprile 1944, italia, san-marco, veterani-reduci

LUIGI LAVIOSA - BATTAGLIONE BAFILE

Luigi Laviosa, di famiglia trentina, nato il 12 aprile 1922, abitava a Reggio Emilia. Il padre Carlo era ingegnere. Luigi Laviosa era stato ammesso all’Accademia Navale di Livorno e nel 1943 ancora frequentava il corso per ufficiali di Stato Maggiore. Dopo l’8 settembre si arruolò volontario nel Reggimento San Marco della Regia Marina e venne inquadrato col grado di Guardiamarina nel battaglione "Bafile". Con questo battaglione fu destinato al fronte di Cassino, e poi lungo la direttrice adriatica col Corpo Italiano di Liberazione.
Cadde combattendo alla testa di un plotone il 21 luglio 1944 a Belvedere Ostrense. Scrisse un diario, che è conservato nel Museo del Risorgimento di Trento.

Nel bello e interessante libro "Cinque anni di storia italiana, 1940-45" (Milano, Edizioni di Comunità, 1964) l’autrice Bianca Ceva ne riporta ampi stralci. Vi si ritrovano amor di patria, desiderio di azione e fedeltà al Re e alla Marina, sentimenti resi anche più veri e reali dai dubbi e dalle frustrazioni che, inevitabili date le circostanze, sono anch’essi rispecchiati nel diario.

Nel libro di Bianca Ceva sono citati fra gli altri anche due stralci del periodo in cui il "San Marco" fu sul fronte di Cassino:

25 aprile 1944
[…] siamo al fronte in linea 1. Mi trovo in una massiccia casa di pietre, che ha l’aspetto di una vecchia dimora patriarcale abbandonata, della quale solo i sassi, gli enormi sassi delle pareti possono raccontare le vicende. Si trova, volgendo lo sguardo verso Nord, in fondo a una conca pacifica ed abbastanza larga che le nostre carte chiamano “L’Ancina” 2 … Siamo circa ad un’ora di cammino da Vallerotonda, il paese più vicino, e a circa un paio d’ore da Acquafondata. Il fronte è quello di Cassino, che non dista più di una decina di chilometri in linea d’aria.
[…] Ricevo dalle varie postazioni e dai vari posti di osservazione, dove si trovano i miei compagni, le notizie sul fuoco dei nostri mortai, dei mortai e dei cannoni nemici, dei vari rumori che si possono udire in prima linea in una notte qualunque.
[…] Questa mattina c’è molta nebbia, non c’è luna, si attende un attacco all’ala sinistra giù nella valle, dove è ora la nostra 3a compagnia e gli Arditi. Ci sono pattuglie nemiche non lontane. Il mio capitano è fuori per andare alle postazioni e so che non è arrivato a destinazione. Tra poco telefoneranno il perché.
[…] Di fronte a me che sta telefonando al suo Intelligence Officer, c’è il maggiore Douglas. Con lui vivo da una decina di giorni, notte e dì, e funziono da ufficiale di collegamento tra il Comando Canadese e il nostro di Compagnia, grazie alla mia mediocre conoscenza dell’inglese 3.
[…] Ho parlato finora col maggiore di molti aspetti che riguardano da vicino l’organizzazione del nostro battaglione e ho dovuto dire delle cose spiacevoli. E’ meglio che io non ritorni su questo argomento, perché ho anche vergogna di aver parlato a questo modo, perché ho lavato i nostri panni sporchi in casa d’altri … il che non è bello. Poco fa sono uscito di pattuglia con quattro uomini ed ho percorso circa tre km di boscaglia lungo il fiume Rapido che è nella zona neutra, senza incontrare nessuna pattuglia nemica; c’era un buio pesto ed un po’ di nebbia. Siamo stati in giro 8 ore, dalle ultime luci all’alba.
[…] Qui sono molto esposto al fuoco nemico e credo che lo sarò di più tra pochi giorni quando andremo ad occupare delle posizioni più avanzate. Vorrei essere colpito in fronte piuttosto di sapere poi che è successo qualcosa che possa scindere la purezza del ricordo che ho di te 4.
Così sia. Ho ventidue anni compiuti. Talora mi sento bambino, talora uomo. Talvolta mi sembra che tutto sia finito e piango sulla natura umana; talvolta, come in questo momento, la fiducia mi sostiene.

29 aprile 1944
[…] Qui in questo momento si sta dirigendo il fuoco delle nostre artiglierie. La mia compagnia è partita di qui ieri per cinque giorni di riposo a Vallerotonda. Io la seguirò domani; sono rimasto qui solo per aiutare il collegamento con la 1a Comp. che ci rileva. Tra una settimana andremo tra Valvori e Monte Cicurro, posizioni pericolose 5.

Non sono citati altri stralci relativi al fronte di Cassino. La storia del Guardiamarina Luigi Laviosa è così completata da Bianca Ceva nel libro citato:

[…] le notizie successive [all’8 giugno, ultima data del diario] ci vengono dalle testimonianze di alcuni compagni, dalle quali conosciamo anche quanto aspri furono i combattimenti in quel settore di Jesi, da cui i tedeschi si ritiravano contendendo ogni passo. Il 21 luglio al comando del I plotone in un’azione disperata per liberare alcuni compagni asserragliati in una casa, mentre il battaglione [Bafile] riceveva l’ordine di indietreggiare, il Laviosa si oppose ordinando, invece, di rispondere, sparando, al violento fuoco dei mortai tedeschi. Cadde ferito tra i suoi marinai; la morte sopravvenne più tardi a suggellare nel cuore di quest’adolescente il puro sogno dell’antico valore.

Bibliografia

Note

  1. Non sono citati appunti dal 12 marzo al 25 aprile. Il Bafile era sul fronte di Cassino dal 9 aprile 1944. Il 12 aprile Luigi Laviosa aveva compiuto 22 anni.
  2. Questa era la sede della compagnia comando del Bafile. Le postazioni avanzate, tenute a rotazione da tutte e tre le compagnie di cui era composto il battaglione, erano in prima linea, a cavallo del Rapido, nel settore Valvori-Monte Cicurro.
  3. Al suo arrivo in linea, il 9 aprile, il battaglione Bafile fu aggregato all’11° Brigata di Fanteria Canadese (11th Canadian Infantry Brigade Group), a sua volta sotto il comando della 2a Divisione Neozelandese. La formazione canadese comprendeva: Princess Louise Fusiliers, Perth Regiment, Cape Breton Highlanders, Irish Regiment of Canada, Westminster Regiment, 17th Field Regiment R.C.A. (Royal Canadian Artillery). Il Bafile fu aggregato al reggimento Westminster, e le due unità presero il nome di "Forza Corbould" ("Corbould Force") dal nome dell’ufficiale comandante i Westminsters. Il 5 maggio i canadesi furono sostituiti dalla 12a Brigata Motorizzata Sudafricana (12th South African Motorised Brigade Group), alla quale il Bafile fu aggregato fino al 23 maggio quando fu unito al Corpo Italiano di Liberazione.
  4. Nel libro da cui ho tratto la citazione del diario non c’è nessun riferimento al possibile significato di questa nota personale.
  5. Rimanendo esclusivamente a quei Caduti di cui il ricordo degli uomini ci ha tramandato l’identità, a Monte Cicurro aveva perso la vita pochi giorni prima (22 aprile) il marò del Bafile Giovanni Antonioli.
    Un altro Caduto del Bafile a Monte Cicurro di cui ci sono giunti il nome e la data fu l’aspirante guardiamarina Augusto Cesare Albanesi, ucciso il 17 aprile mentre era di pattuglia (cfr. "Le fanterie di marina italiane", Roma 1998, Ufficio Storico Marina Militare). Augusto Cesare Albanesi, da Roma, nato il 17/5/1922, era compagno di classe di Laviosa all’Accademia Navale di Livorno (cfr. Annuario della R. Accademia Navale, anno 1941-42*XX: entrambi frequentavano in quell’anno la Prima Classe del Corso di Stato Maggiore). Il suo nome è indicato nel libro, sopra citato, del 1998 come "Augusto Albanese", tuttavia dalla consultazione dell’Annuario del 1941-42 e dal suo grado ("aspirante guardiamarina") vi sono pochi dubbi che si tratti del compagno di corso di Laviosa.

Dicembre 2008 - Integrazione

Navigando in rete, Maurizio Balestrino è incappato in un blog ("La valle dell'eden. Notizie e curiosità da Fondo in Val di Non" n.d.r.)in cui è presente un articolo dedicato a Luigi Laviosa.
Grazie a Martina, che cura questo blog, possiamo integrare questo articolo con le immagini della tomba di Luigi Laviosa.

2366
2367

Sulla pietra tombale è scritto:

MEDaglia D'ARGento GUARDia MARina
LUIGI LAVIOSA
DI ANNI 22 BELVEDERE JESI
1 AGOSTO 1944

"NON PENSATE A ME ANDATE AVANTI"

Nel caso in cui il testo derivi sempicemente dall'esposizione, con o senza traduzione, di documenti/memorie al solo fine di una migliore e più completa fruizione, la definizione Autore si leggerà A cura di.

Articoli associati

LUIGI CAVINATO - BATTAGLIONE BAFILE

L'episodio in cui cadde Giovanni Antonioli nel ricordo del commilitone Luigi Cavinato

05/10/2008 | richieste: 2830 | MAURIZIO BALESTRINO
Testimonianze | #aprile 1944, italia, san-marco

COLLOCAZIONE DEL BATTAGLIONE BAFILE NELL'ORDINE DI BATTAGLIA

Ricerca e annotazioni di Maurizio Balestrino.

05/02/2005 | richieste: 3067 | MAURIZIO BALESTRINO
Ricerche | #aprile 1944, italia, san-marco, unità-reparti

REPORT NO.60 HISTORICAL SECTION (G.S.) ARMY HEADQUARTERS - MOVEMENT AND OPERATIONS OF 11 CANADIAN INFANTRY BRIGADE GROUP, ITALY, 9 APR - 5 MAY 44.

Movement and Operations of 11 Canadian Infantry Brigade Group, Italy, 9 Apr - 5 May 44.

05/02/2005 | richieste: 2049 | VARI
ESTERNI AL SITO | Spigolature | #aprile 1944, #maggio 1944, canada, documenti, san-marco, unità-reparti
[PDF]

SUL FRONTE DI CASSINO E LUNGO L'ADRIATICO

Stralci, correlati all'unità e al suo impiego sul fronte di Cassino, tratti da: IN LOTTA PER LA LIBERTA di Walter Ghetti, edito nel 1975 da Mursia.

04/02/2005 | richieste: 2117 | VARI
Spigolature | italia, san-marco, unità-reparti

IL BATTAGLIONE BAFILE

Cenni, relativi alla costituzione dell'unità, tratti da: LE FANTERIE DI MARINA ITALIANE edito nel 1998 dallo Stato Maggiore della Marina.

24/01/2005 | richieste: 2546 | VALENTINO ROSSETTI
Spigolature | italia, san-marco, unità-reparti

CLIFFORD ORME PAYNE - CANADIAN ARTILLERY

My name is Orme Payne. I was a Sergeant in World War II. I was in an Artillery Unit responsible for all communications within the battery.

17/08/2005 | richieste: 2477 | MAURIZIO BALESTRINO
Testimonianze | #aprile 1944, artiglieria, canada, san-marco, veterani-reduci

GIACOMO PIERI - BATTAGLIONE BAFILE

Pieri Giacomo, classe 1924, a diciannove anni chiamato alle armi per il servizio di Leva in Marina. Dopo l’8 settembre 1943 si arruola volontario nel San Marco facente parte del Corpo Italiano di Liberazione.

17/08/2005 | richieste: 2431 | VARI
Testimonianze | #aprile 1944, italia, san-marco, veterani-reduci

FRED WEST - WESTMINSTER REGIMENT

Questa è la testimonianza del Sig. Fred West, Sergente del reggimento canadese Westminster. A questo reggimento era aggregato il battaglione Bafile dal 9 Aprile ai primi di maggio...

17/08/2005 | richieste: 2250 | MAURIZIO BALESTRINO
Testimonianze | #aprile 1944, canada, san-marco, veterani-reduci

ARMANDO BALESTRINO - BATTAGLIONE BAFILE

Armando Balestrino, allievo dell’Accademia Navale di Livorno, sottotenente del Genio Navale di recente nomina, dopo l’8 settembre si offrì volontario per combattere con il ricostituito Reggimento San Marco e subito si trovò impegnato sul fronte di Cassino con il Battaglione Bafile. Terminata la guerra conservò per lunghi anni i ricordi di quel periodo, ricordi che in seguito il figlio, ormai adulto, ha messo per iscritto, al fine di conservare la memoria di quegli eventi che videro protagonista, suo malgrado, anche suo padre.

27/02/2005 | richieste: 4358 | MAURIZIO BALESTRINO
Testimonianze | #aprile 1944, italia, san-marco

Commenti