COLLOCAZIONE DEL BATTAGLIONE BAFILE NELL'ORDINE DI BATTAGLIA
Data: 05-02-2005Autore: MAURIZIO BALESTRINOCategorie: RicercheTag: #aprile 1944, italia, san-marco, unità-reparti

COLLOCAZIONE DEL BATTAGLIONE BAFILE NELL'ORDINE DI BATTAGLIA

Con autorevole precisione l'ordine di battaglia alleato per la quarta battaglia per Cassino indica le unità alleate che presero parte ai combattimenti. Vengono indicati, giustamente, anche il 1° Corpo Canadese e la 6a Divisione corazzata Sudafricana.

Vorrei in aggiunta precisare alcuni particolari:

  1. entrambe queste unità dipendevano dal 2° Corpo Neozelandese. Dopo la terza battaglia, il 2° Corpo Neozelandese fu spostato nel settore appenninico del fronte di Cassino e alle sue dipendenze furono poste unità di varie nazionalità, fra cui i Canadesi e i Sudafricani.
    Si veda la storia ufficiale neozelandese (anche online a http://www.nzetc.org):

    "Command of the new mountain sector [l’alta valle del Rapido] was formally assumed by 2 NZ Division on 15 April. There were British, Canadian, South African, and Italian units under its command”.

  2. Come dice la fonte appena citata, oltre alle unità del Commonwealth anche il battaglione Bafile del Reggimento San Marco era schierato in questo settore del fronte alle dipendenze dei neozelandesi e credo dovrebbe essere incluso nell’ordine di battaglia come le unità del Commonwealth.

    Cfr. da questo punto di vista le fonti canadesi: http://www.forces.gc.ca/hr/dhh/Downloads/ahq/ahq060.pdf:

    “At 0930 hrs, 9 Apr, units of 11 Cdn Inf Bde began an uneventful move to their new area [cioè l’alta valle del Rapido]. Whilst en route it was learned that a battalion of Italian troops, the Bafile Battalion, was to be added to the Canadian formation, the main units of which were the Princess Louise Fusiliers (support group), the Perth Regiment, the Cape Breton Highlanders, the Irish Regiment of Canada, the Westminster Regiment and the 17th Field Regiment R.C.A. The Italian battalion was composed mostly of sailors from the Italian fleet who volunteered for land duty after surrendering their ship at Malta (W.D., Westmr R., 12 Apr 44). It was combined with the Westminsters and the whole designated Corbould Force (from the name of the Westminster C.O.)”.

    Cfr. anche le fonti sudafricane (Neil Orpen, South African Forces World War II, Vol. V, Purnell, Cape Town e Johannesburg, 1975, pag. 30:

    “ILH/KimR [Imperial Light Horse/Kimberley Regiment] were on the right, facing Colle Pietrobove across the ravine of the upper Rapido, on either side of which they had company localities, spreading from a platoon position at International Post on the right to Valvori on the left, with the Bafile Battalion of Italian Marines under command (the Bafile Batallion belonged to the San Marco Regiment of Italian Marines . omissis .) The group was known as “Reeves Force” after its commander, Lt-Col. R. Reeves-Moore”.

  3. La nota secondo cui la 6ª Divisione Corazzata Sudafricana rimase “non impiegata nelle operazioni sulla linea Gustav” non mi sembra, se posso permettermi, del tutto esatta. Nelle ultime fasi della IV battaglia, i Gebirsjager che presidiavano la linea Gustav nell’alta Valle del Rapido (il settore appenninico in cui erano schierate le truppe del Commonwealth e il Battaglione Bafile) portarono diversi attacchi, con l’intento forse di penetrare nelle linee alleate per arrivare alle spalle degli attaccanti di Cassino. Questi attacchi furono respinti dalle truppe del settore appenninico, che se non vado errato faceva parte a tutti gli effetti della linea Gustav.

    Cfr. l’opera ufficiale sudafricana, sopra citata, a pag. 37:

    “By 16 May ...(omissis)... The French had made a brilliant and daring advance, and the Germans were facing disaster on their right. The XIII Corps sector [cioè appunto l’alta Valle del Rapido n.d.r.] saw the Canadian Corps already crossing the Rapido to relieve the Indians. Next day 78th British Division made appreciable progress, and on the morning of 17 May. ...(omissis)... XIII Corps cut Route 6. An enemy attack on the Reeves Force [costituita dalla 12a Brigata Motorizzata Sudafricana e dal Battaglione Bafile, v. sopra] outpost at Point 629 was beaten off. The Italians of Roma [Royal Marines] Coy [Company] suffered 11 casualties in the action, and identification of a dead German showed 100 Mountain Regiment still in position”.

    Il giorno dopo alle 10:30 del mattino la bandiera polacca sventolava sulle rovine di Montecassino. Tuttavia (ibidem, pagina 38):

    “enemy mortars continued to drop bombs on the South African foremost defended localities, and shortly before midnight Reeves Force [composta da sudafricani e italiani, v. sopra] Tactical Headquarters [situato nella Valle dell’Ancina] was heavily shelled. Eight Italians of the Bafile Reserve Company were killed and 15 wounded.”.

    La Compagnia di riserva del Bafile era la compagnia che in quel momento, seguendo la rotazione fra le tre compagnie del battaglione, si trovava non in prima linea bensì al Comando, nella Valle dell’Ancina, con funzioni appunto di riserva.

Queste mie note vorrebbero in conclusione sottolineare che nei giorni in cui si svolgeva l’attacco dei Francesi attraverso le montagne e dei Polacchi contro Montecassino, nell’alta Valle del Rapido unità del Commonwealth e della Regia Marina Italiana sostenevano scontri e lamentavano perdite che si inscrivevano anch’essi nel grande quadro della battaglia in corso sulla linea Gustav. Il ricordo di questi avvenimenti, sopito per tanti anni, a poco a poco sta ora tornando alla luce.

Nel caso in cui il testo derivi sempicemente dall'esposizione, con o senza traduzione, di documenti/memorie al solo fine di una migliore e più completa fruizione, la definizione Autore si leggerà A cura di.

Articoli associati

LUIGI CAVINATO - BATTAGLIONE BAFILE

L'episodio in cui cadde Giovanni Antonioli nel ricordo del commilitone Luigi Cavinato

05/10/2008 | richieste: 2648 | MAURIZIO BALESTRINO
Testimonianze | #aprile 1944, italia, san-marco

IL BATTAGLIONE BAFILE

Cenni, relativi alla costituzione dell'unità, tratti da: LE FANTERIE DI MARINA ITALIANE edito nel 1998 dallo Stato Maggiore della Marina.

24/01/2005 | richieste: 2370 | VALENTINO ROSSETTI
Spigolature | italia, san-marco, unità-reparti

LUIGI LAVIOSA - BATTAGLIONE BAFILE

Dopo l’8 settembre si arruolò volontario nel Reggimento San Marco della Regia Marina e venne inquadrato col grado di Guardiamarina nel battaglione “Bafile”.

17/08/2005 | richieste: 2725 | MAURIZIO BALESTRINO
Testimonianze | #aprile 1944, italia, san-marco, veterani-reduci

GIACOMO PIERI - BATTAGLIONE BAFILE

Pieri Giacomo, classe 1924, a diciannove anni chiamato alle armi per il servizio di Leva in Marina. Dopo l’8 settembre 1943 si arruola volontario nel San Marco facente parte del Corpo Italiano di Liberazione.

17/08/2005 | richieste: 2249 | VARI
Testimonianze | #aprile 1944, italia, san-marco, veterani-reduci

ARMANDO BALESTRINO - BATTAGLIONE BAFILE

Armando Balestrino, allievo dell’Accademia Navale di Livorno, sottotenente del Genio Navale di recente nomina, dopo l’8 settembre si offrì volontario per combattere con il ricostituito Reggimento San Marco e subito si trovò impegnato sul fronte di Cassino con il Battaglione Bafile. Terminata la guerra conservò per lunghi anni i ricordi di quel periodo, ricordi che in seguito il figlio, ormai adulto, ha messo per iscritto, al fine di conservare la memoria di quegli eventi che videro protagonista, suo malgrado, anche suo padre.

27/02/2005 | richieste: 4181 | MAURIZIO BALESTRINO
Testimonianze | #aprile 1944, italia, san-marco

GIOVANNI ANTONIOLI - BATTAGLIONE BAFILE

Giovanni Antonioli, era un marinaio sottocapo cannoniere.
Dopo l'8 settembre 1943, viene inquadrato nel battaglione 'BAFILE', il primo dei tre del ricostituito reggimento di fucilieri di Marina 'San Marco'. Con questa unità entra in linea sul fronte di Cassino il 9 aprile 1944, nella zona di Valvori - Acquafondata (circa 10 km a nord-est di Cassino).
Giovanni cade il 22 aprile 1944 sul monte Cicurro ed ora riposa nel cimitero militare di Mignano Montelungo.

30/06/2002 | richieste: 2152 | VALENTINO ROSSETTI
Ricerche | #aprile 1944, caduti, italia, san-marco

ARTENA - 3 GIUGNO 2002

Il generale Edward Hill Thomas ritorna sui luoghi della battaglia per lo sfondamento della linea difensiva di Anzio.

03/06/2002 | richieste: 2712 | ROBERTO MOLLE
Cronache | #today, artena