IL MONTE SANTA CROCE, IL PAESE DI SAN BIAGIO SARACINISCO E LA "MANOVRA DI ATINA" NEL GENNAIO 1944
Data: 01/07/2012Autore: ALBERTO TURINETTI DI PRIEROCategorie: Le battaglieTag: #gennaio 1944, atina, francia, san-biagio-saracinisco

IL MONTE SANTA CROCE, IL PAESE DI SAN BIAGIO SARACINISCO E LA "MANOVRA DI ATINA" NEL GENNAIO 1944

Monte Santa Croce... dove sarà mai? La "montagna lebbrosa", come la chiamavano i francesi, dopo un soggiorno all’aria aperta tra neve, gelo, pioggia, vento ed una miriade di cannonate che si prolungò dal 16 gennaio al 12 marzo 1944.

Tra i tanti paesaggi brutti che la neve cerca invano di mascherare con la sua coltre bianca – scrive un francese che visse quell’epoca – il Croce rivendica un posto a parte: calvo e deserto, in discesa vertiginosa sulla strada di San Biagio, è formato dall’agglomerato di un certo numero di montagne che partecipano alla stessa solitudine, come una maledizione. Esso costituisce il campo di battaglia più sinistro della campagna d’inverno; solo la notte gli conviene per nascondere le sue difformità ed è senza dubbio per questo che in pieno pomeriggio il crepuscolo cade così brutalmente sulle sue creste abbandonate. Il rilievo sale per cime di 755 metri all’est, fino all’ultimo picco che domina il villaggio di San Biagio con i suoi 1.184 metri di altezza all’ovest. Per l’attaccante il monte non può essere preso se non quando si arriva fino all’ultimo pendio che si affaccia con un burrone sopra il gomito della strada di San Biagio. A questo triste susseguirsi di creste pelate dove i tedeschi dispongono di un dedalo di piccoli anfratti scoscesi, minati o contenenti trappole esplosive, che favoriscono i contrattacchi, neanche la primavera riesce a strappare un sorriso: rimpiazzerà il candore della neve con delle chiazze di color giallo-sporco sparse sui suoi fianchi, come delle ferite tra cespugli secchi e tronchi fatti a pezzi, sopravvissuti alle esplosioni delle granate. Il Croce è un muro lebbroso che chiude gelosamente il fascino di Atina." [1]

Oggi non è certamente più così. La vegetazione è rinata rigogliosa, il paesaggio è affascinante, il piccolo borgo di San Biagio Saracinisco, completamente ricostruito, si erge orgoglioso e ordinato a guardia della strada per la valle di Comino ed Atina, ma allora neanche i tedeschi apprezzarono, così come i francesi, né il paesaggio, né la bellezza selvaggia dei luoghi. Il freddo terribile, la neve che ricopriva le tane ridotte a frigoriferi, il continuo martellare delle artiglierie, la minaccia incessante delle bombe di mortaio, il sibilo delle salve dei Nebelwerfer, le rovine del paese, la morte che incombeva con la sua falce anche nei posti considerati più sicuri... .

3318
3317
3316
3315

Come si arrivò dunque alla battaglia del Santa Croce, considerata così importante dai francesi che vi videro la chiave di volta per la loro manovra su Atina e per i tedeschi che, consci del pericolo di perdere una posizione decisiva per la difesa della Linea Gustav, ne rinforzarono il presidio facendovi affluire un intero reggimento?

Il 25 novembre 1943, sotto una pioggia torrenziale, all’aeroporto di Capodichino, a pochi chilometri dal centro di Napoli, era atterrato un aereo Dakota con a bordo il generale Alphonse Juin, comandante del Corps Expédionnaire Français en Italie. Malgrado la pessima accoglienza che gli fu attribuita, il generale non si perse d’animo e costituì il proprio comando prima all’Istituto francese della città stessa e poi a Maddaloni, mentre si completava lo sbarco della prima delle unità ai suoi ordini, la 2e Division d’Infanterie Marocaine, al comando del generale André Dody, seguita dal 4e Groupememnt de Tabors Marocains.
La 2e D.I.M. fu quasi immediatamente avviata al fronte, dove, alle dipendenze del US VI Army Corps, sostituì la provatissima US 34th Infantry Division e conseguì una serie di brillanti successi tattici conquistando dal 14 al 28 dicembre 1943 il monte Pantano e la quota 1.478 della Catenella delle Mainarde, due pilastri delle difese tedesche della Linea Bernhard.
Nello stesso periodo sbarcarono a Napoli la 3e Division d’Infanterie Algérienne, agli ordini del generale Joseph de Goislard de Monsabert, ed il 3e Groupement de Tabors Marocains; il 3 gennaio 1944, mentre il generale Juin trasferiva il proprio comando a Prata Sannita, il C.E.F. sostituiva al fronte l’intero US 6th Army Corps, destinato allo sbarco ad Anzio.
L’apporto del C.E.F. aveva permesso al generale Clark di riprendere i piani offensivi verso Roma con l’intenzione di portare i suoi Corpi in un primo tempo sul Rapido, sul Gari e sul Garigliano, ed in un secondo di attraversare i fiumi per aprire alle forze corazzate la valle del Liri in un’azione combinata con il previsto sbarco di Anzio.
La missione assegnata al C.E.F. fu quella di raggiungere la trasversale Sant’Elia Fiumerapido-Atina al fine di coprire il fianco destro del US II Army Corps il cui compito era quello di attaccare direttamente Cassino, mentre il X Corpo britannico doveva spingersi fino al Garigliano. In un secondo tempo il C.E.F. avrebbe dovuto aggirare le difese di Cassino, attraverso le montagne a nord della valle del Rapido.

Questa - scriverà il generale Carpentier, capo di stato maggiore del C.E.F. - era l’idea che maturò nella testa di Juin qualche giorno dopo, chiedendo di allargare questo aggiramento fino a farne una vera e propria manovra d’ala a livello d’armata: questo era il progetto chiamato "la manovra di Atina" [2]

Le operazioni ebbero inizio il 12 gennaio 1944, quando la 2e D.I.M. attaccò la Costa San Pietro e le pendici settentrionali della Monna Casale, mentre la 3e D.I.A. attaccava direttamente la Monna Casale e, nella stessa serata, conquistò la vetta della Monna Acquafondata e il monte Maio. [3]

12 gennaio 1944

Alle 6,15, inizia il tiro di preparazione dell’artiglieria e la fanteria della 2e D.I.M. attacca immediatamente la Costa San Pietro; alle 6,30, la 3e D.I.A. si lancia contro la Monna Casale. [4]
Il I./GJR 85 che perde la quota 1.025, presa dal 8e Régiment de Tirailleurs Marocains (colonnello Molle), è costretto ad abbandonare anche la quota 1.029 sotto la spinta del 5e R.T.M. (colonnello Joppé) e, dopo aspri combattimenti, cade anche la Costa San Pietro.
Alla sera viene dato l’ordine alla 2e D.I.M. di tenere a tutti i costi il possesso della Costa San Pietro e di spingersi in direzione di San Biagio Saracinisco; il III/8e R.T.M. (maggiore Allard) sostituisce il II/8e R.T.M. (maggiore Delort) sulla Costa San Pietro.

13 gennaio 1944

I tedeschi contrattaccano dal colle Porcazzette e minacciano il III/8e R.T.M. schierato sulla Costa San Pietro, che subisce gravi perdite, ma mantiene il possesso delle posizioni raggiunte; il 5e R.T.M. occupa il paese di Cardito e lo supera di un chilometro e mezzo lungo l’unica strada che porta a San Biagio Saracinisco, raggiungendo il colle dell’Arena ed avvicinandosi al monte Santa Croce, mentre la 3e D.I.A. cattura la Monna Acquafondata ed inizia a scendere nella valle del Rapido, in direzione di Sant’Elia Fiumerapido, raggiunta nel corso della giornata del 15. [5]
Alla sera il fronte tedesco è rotto con la caduta della Monna Acquafondata, ma in 48 ore la 2e D.I.M. ha perso 400 uomini, la 3e D.I.A. più di 300; altri 75 delle unità aggregate. Sono stati catturati 231 prigionieri tedeschi, 160 alla 2e D.I.M. e 71 dalla 3e D.I.A. [6]

14 gennaio 1944

Le due divisioni hanno come obbiettivi principali San Biagio Saracinisco, Atina (2e D.I.M.), Sant’Elia Fiumerapido e Vallerotonda (3e D.I.A.). Il 5e R.T.M. raggiunge la quota 1.040 e le pendici di quota 1.129, mentre il 4e R.T.M. (tenente colonnello Thouvenin) progredisce verso il colle dell’Arena. Verso sera, il nemico sembra stabilire una nuova linea di resistenza a il Gallo, colle dell’Arena, pendici est del monte Santa Croce.
I comandi francesi, in base ai rapporti che pervengono dal 2e Bureau che sottolineano la crisi perdurante della 5. Gebirgsjäger-Division e l’importanza della caduta della Costa San Pietro malgrado una difesa accanita, maturano l’idea di battere il nemico in velocità. [7]

15 gennaio 1944

Il generale Dody, comandante della 2e D.I.M., ordina che il 4e R.T.M., manovrando alla sua sinistra, appoggi con la sua destra l’azione del 5e R.T.M. facendo cadere tutti i colli e le piste che scendono verso la strada San Biagio Saracinisco-Atina.
Dody ordina al 5e R.T.M. in contatto a sud con la manovra del 4e R.T.M. e, nella massima misura possibile, a nord con quella del 8e R.T.M.:

“La vostra missione è di far cadere il Santa Croce, a colpi di cannone e di mortaio, di occupare San Biagio, e poi di arrivare il più lontano possibile sulla strada per Atina al fine di impedire le distruzioni.” [8]

Nel corso della giornata, la 2e D.I.M. arriva sulla linea Masseria Geremia, strada di San Biagio, a 2.500 metri dal paese, ma viene bloccata dalla resistenza tedesca sulle pendici sud-est del Santa Croce.
Il 4e R.T.M. raggiunge le pendici est del colle dell’Arena, ma non riesce a progredire oltre. Nonostante questo, alle 18,30, il generale Dody ordina al reggimento di sfruttare senza ritardo la debolezza del nemico, superando il Santa Croce da sud facendone così cadere le difese.

16 gennaio 1944

La 3e D.I.A. raggiunge le rive del Rapido al fondo dell’omonima valle, occupa il paese di Sant’Elia, visto che in quel settore il nemico sembra essersi ormai ritirato sul Cifalco.
Le operazioni della 2a D.I.M. vengono invece sospese. Non solo i tedeschi si irrigidiscono sul colle dell’Arena, ma le terribili condizioni atmosferiche (neve e gelo), le perdite subite, la stanchezza degli uomini e le difficoltà di approvvigionamento impongono una sosta delle operazioni, anche in attesa “di un’azione di rottura da sostenere in collegamento con la 5a Armata, con il 2° Corpo americano e nel quadro di una manovra d’assieme con la 5a Armata”. [9] Il primo tempo della manovra concepita dal generale Clark era stato infatti realizzato: il X Corpo britannico costeggiava il Garigliano fino al golfo di Gaeta; alla sua destra, il US II Corps si affacciava su Cassino; alla sua sinistra il C.E.F. aveva raggiunto le rive del Rapido, dalla fonte fino all’altezza di Sant’Elia.
La Linea Gustav era stata raggiunta... .

17 gennaio 1944

Mentre lo stato maggiore del C.E.F. si stabilisce a Venafro, dove rimarrà fino alla fine di marzo, le truppe francesi cercano di ricomporsi, di riposare e di rimettersi in condizione, mantenendo il contatto con l’avversario. [10]
Nel corso della giornata si profila la manovra della 5a Armata con l’attacco sul Gari, appoggiato a sud dal X Corpo britannico e a nord dal C.E.F.. Il generale Juin fa conoscere le proprie intenzioni con un’istruzione personale e segreta, riservata ai comandi delle due divisioni: attaccare le posizioni del centro nemico sull’asse colle dell’Arena, monte Carella, monte Bianco, Atina. Questo attacco, se riuscisse, permetterebbe di piegare verso nord (Picinisco) per far cadere le difese arroccate nella regione di San Biagio; verso sud-ovest (Belmonte), in modo da aggirare il monte Cifalco dal nord, per assicurare il corridoio Sant’Elia-Atina. L’azione di rottura sarà condotta da tre reggimenti di fanteria (due marocchini ed uno algerino), agli ordini del comandante della fanteria divisionale della 2e D.I.M., generale Calliès. [11]
L’inizio dell’offensiva del 2° Corpo americano è stato fissato per il 20 e quello del C.E.F. per il 21 gennaio.

Il 18 ed il 19 gennaio [12] trascorrono nell’attesa di nuovi ordini, nella ricerca di informazioni e nella preparazione dell’offensiva, ma, nella giornata del 20, il 2e Bureau trasmette una serie di informazioni che rischiano di mettere in discussione le decisioni già prese. Viene infatti segnalato che nell’area del monte Santa Croce i tedeschi hanno fatto affluire i tre battaglioni del Panzer-Grenadier-Regiment 8 (3. Pz. Gr, Division). E’ un segno inequivocabile di come i comandi tedeschi intendano difendere a tutti i costi il settore, ma il generale Juin decide di procedere con l’attacco programmato, per il 21. [13]
La sera, il 4e Régiment de Tirailleurs Tunisiens (colonnello Roux), appena arrivato in Italia, viene schierato a copertura del fianco destro della 34a divisione americana. [14]

21 gennaio 1944

L’attacco ha inizio alle 6,15 ed entro le 7 il primo obbiettivo, la cresta a sud di monte Santa Croce e a nord-ovest del paese di San Biagio, sono catturate.
Il 7e R.T.A. (colonnello Chappuis) ed il 4e R.T.M. in stretto contatto fra di loro si apprestano ad avanzare verso il prossimo obiettivo, il monte Carella, ma il comandante dell’operazione, il generale Calliès, ha subordinato la ripresa degli attacchi alla conquista del monte Santa Croce a cura del reggimento di destra, il 5e R.T.M..
Il II/5e R.T.M. (maggiore Pénicaud), che ha come obiettivo la vetta, incomincia a muoversi verso le 7,15, compagnie dei tenenti Haberger, che cadrà mortalmente ferito, e de Gouvello in primo scaglione e compagnia Guinard di sostegno. Ha davanti a se il III./Pz.Gr. 8 che rende penosa l’avanzata con un violento fuoco di mitragliatrici e mortai, resa più difficile oltre che dalla pendenza del terreno ed il dislivello da superare, anche dalla neve.
Il II/8e R.T.M. (maggiore Delort) appoggia il II/5e avanzando sulla strada di San Biagio in direzione di Jaconelli. [15]
A mezzogiorno il II/5e R.T.M. è arrivato a 150 metri dalla vetta, difesa dalla 12a compagnia del III./Pz.Gr. 8, catturando dei prigionieri, ma, nonostante il primo successo, la resistenza accanita dei granatieri tedeschi blocca l’intera manovra. [16]
Alle 12, 45, il II/5e R.T.M. si lancia all’attacco della vetta, proprio nel momento in cui si scatena un forte bombardamento delle batterie tedesche che provocano molte perdite, causando il fallimento dell’azione.
Alla fine della giornata il 7e R.T.A. occupa la Masseria Pedicone (quota 1.000), il III/4e R.T.M. (maggiore Courtois) la quota 1.004 e il colle dell’Arena, il 5e R.T.M. le quote 1.129 e 1.030, e le pendici del Santa Croce, a circa 250 metri dalla vetta ad est. Il 8e R.T.M. è sulla strada di San Biagio, all’altezza di Jaconelli, mantenendo saldamente il possesso della Costa San Pietro.
Alle 19,10 il generale Juin firma l’ordine per la giornata del 22 con le seguenti indicazioni: la 3e D.I.A. continuerà autonomamente ad eseguire la propria missione, mentre la 2e D.I.M. dovrà prendere il Santa Croce. Di fatto, i reggimenti impegnati tornano al comando delle rispettive divisioni.
Nella notte però un nuovo ordine sospende tutto, rinviando l’operazione al 23, ribadendo che il monte Carella dovrà essere preso nonostante la mancata cattura del Santa Croce da parte della 2e D.I.M. [17]

22 gennaio 1944

Presso il quartier generale del C.E.F. arrivano le notizie del disastro americano sul Rapido (Gari) e dello sbarco ad Anzio, mentre le unità si preparano al nuovo attacco dalle basi indicate.

23 gennaio 1944

Verso le 4,30 i tedeschi scatenano un contrattacco sulle pendici est del Santa Croce che respinge indietro la 6a compagnia (Guinard) del II/5e R.T.M. per 500 metri prima di essere arrestato verso le 6,30. Durante le fasi concitate del combattimento, vengono catturati i comandanti delle compagnie 8 e 9 del Pz.Gr. Rgt. 8.
Alle 14.00, le compagnie del II/5e R.T.M., dopo essere riuscite a contenere il contrattacco tedesco con l’appoggio di tutta l’artiglieria divisionale, rioccupano le posizioni perdute e, tra le 17 e le 18, arrivano in cima al Santa Croce, catturandovi 39 tedeschi, fra cui 2 ufficiali. La loro posizione però rimane precaria ed il rifornimento diventa aleatorio se non impossibile.
Il 3e R.T.A. (tenente colonnello Gonzalès de Linarès) attacca il Carella, ma senza riuscire ad impadronirsi della vetta.
Il 4e R.T.M. che doveva mettere piede sulle pendici nord-est del Carella viene respinto con forti perdite. La 7a compagnia perde 50 uomini tra cui tre capi sezione e si ritira nel corso della notte. [18]

Il generale Juin riporta in un suo rapporto che:

“Il 23, al mattino, il generale comandante della 5a Armata veniva a trovarmi presso il mio P.C. La sua intenzione era sempre quella di forzare il passaggio sul Rapido (Gari) in modo da decuplicare le forze corazzate in direzione di Pontecorvo, Frosinone, in vista di legare al più presto il grosso delle forze della 5a Armata con quelle sbarcate ad Anzio. Davanti all’insuccesso del tentativo del 2° Corpo però, aveva deciso di impadronirsi prima del blocco di Cassino e delle alture che lo dominavano da nord-ovest: la 34a divisione americana e la 3a divisione algerina sarebbero state incaricate dell’operazione.” [19]

Anche la giornata del 23 gennaio è però costata cara ai francesi: 156 uomini fuori combattimento, dei quali 30 sono i caduti.

Il diario storico dell’O.K.W. rileva che sul fronte della 5 GJD:

“Preponderanti forze nemiche hanno attaccato per tutto il giorno la linea principale con pesante appoggio di fuoco a 2 Km. a Nord-Ovest di Vallerotonda e sul Monte Santa Croce, ma la maggior parte degli attacchi è stata respinta. Nel pomeriggio il nemico con forze di reggimento, dopo un pesantissimo e tambureggiante fuoco d’artiglieria, è di nuovo riuscito ad effettuare un’irruzione sul Monte Santa Croce. Il punto di rottura è sotto sicurezza per l’intervento delle riserve di zona. Contromisure sono in corso. Il III Battaglione del Pz. Gren. Rgt. 8 (3. Pz. Gren. Div.), qui impegnato, ha perso più del 60 per cento delle proprie forze negli ultimi combattimenti”. [20]

24 gennaio 1944

A partire dalle 10,15, dopo un violento tiro di artiglieria e mortai, i tedeschi lanciano dei contrattacchi sulle pendici nord-ovest e ovest del Santa Croce con circa due compagnie, che sono rinnovati fra le 14,30 e le 15,30.
I tedeschi riprendono la vetta del Santa Croce tra le 15 e le 15,30 ed il il 5e R.T.M. riesce a fermarli a circa 300 metri all’est della stessa.

Dal diario storico dell’OKW per la giornata del 24 si nota un certo affanno a causa dell’attacco della 2e D.I.M. sul Monte Santa Croce:

“Il nemico” – è scritto - “con l’appoggio di pesanti interventi d’artiglieria, ha condotto ripetuti attacchi contro il Monte Santa Croce, che in parte con corpo a corpo, sono stati tutti respinti. Il nostro contrattacco per ristabilire la zona delle penetrazioni del giorno prima, ha scatenato un attacco nemico che ha avuto un successo solo parziale. La zona dello sfondamento è stata ristretta e chiusa robustamente. Un attacco condotto in soccorso del gruppo accerchiato ha potuto restaurare il collegamento con il grosso di questo gruppo. Solo un plotone avanzato di sette uomini è ancora accerchiato su un’altura”. [21]

Nel corso della giornata pervengono i nuovi ordini dal comando della 5a Armata relativi all’operazione prevista contro Cassino, le quote a nord-ovest di Montecassino ed il Belvedere. Il nuovo attacco contro le posizioni del monte Santa Croce viene sospeso, decretando così la fine della "manovra di Atina" da parte dei francesi.

***

La 2e D.I.M. dovrà limitarsi a contenere il nemico sulle posizioni di monte Mare, colle Porcazzete, colle San Biagio, monte Carella e colle San Martino, a protezione del fianco destro della 3e D.I.A. [22]
La sola 2e D.I.M. nel mese di gennaio 1944 perse ben 578 caduti (19 ufficiali), 2.339 feriti, 114 dispersi e 900 congelati, per un totale di 3.931 uomini. Le perdite furono parzialmente compensate con l’arrivo di 1.540 complementi dal Nord Africa e 500 uomini recuperati dagli ospedali. I tedeschi persero circa 500 prigionieri, ma il numero dei caduti e dei feriti rimarrà sconosciuto. [23]
L’attenzione dei comandi alleati si spostò su Cassino e sulle montagne a nord-ovest di Montecassino, mentre sul resto del fronte, dalla costa tirrenica a Cassino e da Terelle a monte Mare, la grande battaglia assunse le caratteristiche della guerra di posizione, così simile a quanto era accaduto durante la I guerra mondiale.

Sulle pendici del monte Santa Croce il III battaglione (maggiore Rognon) del 4e Régiment de Tirailleurs Marocains aveva sostituito il II/5e R.T.M., mentre il Pz. Gren. Regiment 8 era stato sostituito dai cacciatori del GJR 85. [24]

“Il freddo era molto vivo – racconta un testimone – e la neve aveva ricoperto la montagna con un immenso mantello bianco. Il suolo si presentava bagnato e noi sguazzavamo nel fango liquido su un terreno dove le granate avevano scavato una gran quantità di crateri. Non c’erano ripari: gli uomini lavoravano tutto il giorno, chi trasportando delle pietre, chi tagliando degli alberi. Ben presto fummo tutti protetti dalla neve, dal freddo e dalle schegge.”
Non c’erano però solo le condizioni climatiche a render difficile la vita, ma anche l’atteggiamento aggressivo dimostrato ovunque dai tedeschi: “Le perdite continuano ad essere alte: mortaiate, granate, razzi e l’attività di quelli di fronte che cercano continuamente il punto debole per venire a sorprendere i nostri.”
Pattuglie notturne, falsi allarmi che scatenavano spesso il fuoco di ambo le parti, agguati e il filo spinato, steso ovunque ad evitare sorprese... .
“Da quando siamo qui – continua il testimone – il nostro tenente si è fatto i capelli bianchi. Quasi tutti i giorni dobbiamo evacuare 4 o 5 uomini per congelamento ai piedi; tutte le mattine facciamo togliere le scarpe ed esigo che si massaggino i piedi con la neve tra grandi lamentele... . Migliaia di colpi trasformano il Croce in un paesaggio lunare...” [25]

Così ovunque per tutta la linea del fronte apparentemente tranquillo, come raccontano i reduci inglesi del monte Ornito, gli americani bloccati sulle quote a nord di Montecassino ed i fanti tedeschi dal colle Abate al San Martino.

3335
3332
3330
3329
3328
3326
3325
3324
3323
3322
3321
3319

Il generale Juin aveva protestato con il generale Clark perché il fronte tenuto dalle due divisioni del C.E.F. si era esteso in modo abnorme, da Castel San Vincenzo al Belvedere, e poi fino al monte Castellone. Il comandante della 5a Armata aveva deciso di inviare di rinforzo il I Raggruppamento Motorizzato italiano (generale Umberto Utili) che, dal 5 febbario 1944, aveva iniziato a schierarsi sul fianco destro della 2e D.I.M. dal comando della quale dipendeva.
Gli Italiani furono i benvenuti, magari dopo qualche momento di reciproco imbarazzo, perché consentirono se non altro al comando del C.E.F. di far ruotare i battaglioni ed organizzare turni di riposo più che mai necessari.
Si arrivò così al 26 marzo, quando la 2e D.I.M., con gran giubilo dei suoi uomini e dopo ben 105 giorni ininterrotti di fronte, lasciò le proprie posizioni alla 5a divisione di fanteria polacca, che assunse la difesa dei settori "San Biagio" e "Mare" fino al 15 aprile 1944 quando ad essa subentrò la 6a brigata della 2a divisione neozelandese.
Il 19 maggio 1944, il giorno dopo la caduta di Montecassino, al comando del generale Umberto Utili – nel frattempo il I Raggruppamento, notevolmente rinforzato, aveva assunto la denominazione di Corpo Italiano di Liberazione – giunse l’istruzione di assumere la difesa di un tratto del settore della 2a divisione neozelandese, fino alla strada S. Biagio-Atina con l’inclusione della Costa San Pietro, dove si dislocò il 184° reggimento paracadutisti ed il fronte finalmente si mosse.
Nella notte fra il 21 ed il 22 maggio 1944, i paracadutisti italiani rilevarono il 5th Parachute Battalion ad est della strada Venafro-San Biagio-Atina, che divenne il limite di settore fra Italiani e Neozelandesi. [26]
L’avanzata iniziò nel pomeriggio del 27, quando le prime pattuglie della 6a brigata neozelandese si inoltrarono sulla strada per San Biagio senza incontrare opposizione, ma trovandovi una mole di demolizioni e di mine che non avrebbe permesso il transito delle colonne di carri ed automezzi del 20th Armoured Regiment.
Alla sera una pattuglia neozelandese raggiunse le prime case di San Biagio Saracinisco, ma non poté che rilevare la quantità di distruzioni operate dai tedeschi.
Verso le 21 di quel 27 maggio, la 41a compagnia del XIV battaglione del 184° reggimento paracadutisti, dopo aver raggiunto il colle Porcazzete, scese per la valle Monacesca ed entrò in San Biagio Saracinisco. [27]
La strada per Atina appariva ostruita in una tale quantità di punti diversi che i comandi neozelandesi giudicarono impossibile poter proseguire ed il generale Freyberg suggerì, nel caso in cui non fosse stato possibile riattarla in poco tempo, che la 6a brigata avrebbe potuto tornare indietro per la strada di Acquafondata ed usare la strada di Sant’Elia Fioumerapido. L’idea venne scartata perché i genieri stimarono che la strada sarebbe stata aperta in un tempo minore a quello necessario a trasferire l’intera brigata. [28]

3334
3333

La guerra era passata anche attraverso quel piccolo borgo di montagna, lasciando ovunque i suoi segni. Il paese appariva totalmente distrutto a causa dei tanti bombardamenti subiti, ma anche e soprattutto per le demolizioni che i tedeschi avevano messo in opera prima di ritirarsi definitivamente. Persino il paesaggio appariva sconvolto, come se un gigantesco rastrello avesse arato le montagne. Gli abitanti erano stati evacuati forzatamente fin dal autunno 1943, in parte trasportati nella provincia di Cremona. Chi si era salvato dalla razzia tedesca, aveva vissuto per mesi, nascosto in qualche anfratto; i più fortunati erano riusciti a passare il fronte... .

I protagonisti di tanti e così sanguinosi scontri torneranno ad incontrarsi sei mesi dopo sulle Alpi. Infatti nel settembre 1944 saranno i Tirailleurs marocchini del 4e R.T.M. a liberare definitivamente la cittadina di Briançon, costringendo i loro antagonisti, i cacciatori del GJR 85, a ritirarsi al colle del Monginevro e sulla cresta di confine italo-francese.

Scheda

Il 12 gennaio 1944, nella regione di Cardito, fu catturato un sottufficiale tedesco con il piano di distruzione di un tratto di 12 chilometri della strada Colli-Atina, datato 25 novembre 1943. Il documento riproduce un tratto di 5 chilometri con 17 distruzioni preparate, caricate con 20 tonnellate di esplosivo, ripartite in 155 fornelli.
Le distruzioni dei gruppi 1,2,3 e 4 erano state fatte saltare il 4 dicembre 1943; le distruzioni da 5 a 9 incluso erano rimaste intatte a causa della cattura del sottufficiale e dei genieri addetti all’operazione; le distruzioni 10, 11 e 12, rimaste nelle mani dei tedeschi, furono probabilmente fatte saltare il 15 gennaio 1944. (Le Génie dans la campagne d’Italie, Corps Expéditionnaire Français, Commandement du Génie, 1944.)

3337
3336

Ringraziamenti

Si ringraziano di cuore il Dottor Vinicio Cicchiello e Damiano Parravano per le fotografie odierne della zona.

Note

  1. ^ “Victoire en Italie”, 2ème Division d’Infanterie Marocaine, Paris, Imprimerie Gautier-Villars, 1945, pag. 93.
  2. ^ Marcel Carpentier, Les Forces Alliées en Italie, Editions Berger-Levrault, Paris, 1949, pag. 64.
  3. ^ Da non confondere con il monte Maio, conquistato dagli stessi francesi il 13 maggio 1944, sui monti Ausoni.
  4. ^ I tedeschi schieravano il Panzer-Grenadier-Regiment 115 sulla Costa San Pietro, il I./ Gebirgsjäger-Regiment 85 a cavallo della strada che sale verso San Biagio Saracinisco, il III./Gebirgsjäger-Regiment 85 a sud della strada e sulla Monna Casale, più a sud il Gebirgsjäger-Regiment 100.
  5. ^ In quel giorno le truppe americane del II Corps raggiungevano la vetta del monte Trocchio.
  6. ^ Cfr. Georges Boulle, Le Corps Expèditionnaire Français en Italie (1943-1944), Ministère d’Etat Chargé de la Défense Nationale, Etat-Major de l’Armée de Terre, Service Historique, 1er Vol., Paris, Imprimerie Nationale, 1971, pag. 87.
  7. ^ Cfr. Alberto Turinetti di Priero, La 5. Gebirgsjäger-Division, www.dalvolturnoacassino.it,.
  8. ^ Cfr. Georges Boulle. Op. Cit., pag. 90.
  9. ^ Ibidem, pag. 96.
  10. ^ La linea raggiunta dai francesi era la seguente: quota 1.478 (Catenella delle Mainarde), Costa San Pietro (quota 1.450), Masseria Geremia, quota 1.030 del monte Santa Croce, colle dell’Arena, riva ovest del fiume Rapido, Valvori, Madonna di Raditto, Sant’Elia Fiumerapido.
  11. ^ Cfr. Georges Boulle. Op. Cit., pag. 97.
  12. ^ Il 19 gennaio 1944 il X Corpo britannico aveva suoerato il Garigliano.
  13. ^ Il Pz. Gren. Regiment 8 era comandato dal colonnello Grosser. Il I./8 era schierato tra il monte Carella e la cresta di San Martino, il III./8 tra il monte Santa Croce e la strada del colle, il II./8 alla sua sinistra. Venne anche segnalata la presenza del Hochgebirgsjäger 3 (maggiore Bade) che, fin dal 12 gennaio era schierato fra il monte Cavallo ed monte Mare.
  14. ^ A rinforzo della 2e D.I.M. vennero messi a disposizione: il 4e Groupement de Tabors Marocains, due compagnie del US 755th Tank Battalion, il 8e Régiment de Chasseurs d’Afrique, il gruppo d’artiglieria americano Meyer, il III/64e Régiment d’Artillerie d’Afrique, la 32a compagnia del Forces Terrestres Antiaériennes, una compagnia del genio, due compagnie someggiate. A rinforzo della 3e D.I.A.: il 3e G.T.M., una compagnia del US 755th Tank Battalion, il 7e R.C.A., il gruppo di artiglieria americano Anderson, il I ed il II/64e R.A.A., la 34a e la 40a compagnia F.T.A., una compagnia del genio, una compagnia someggiata. Cfr. Georges Boulle, Op. Cit., pag. 100.
  15. ^ Località segnalata sulle carte topografiche dell’epoca, a poche decine di metri dalla sommità del valico verso San Biagio Saracinisco.
  16. ^ Le compagnie 9, 10 e 11 del III./Pz.Gr. 8 erano scaglionate fra la vetta e la strada di San Biagio.
  17. ^ Georges Boulle, Op. Cit., pag. 104.
  18. ^ Il 23 gennaio 1944, la linea passava da Fontana Rinalda (2,5 Km. ad est di San Biagio), vetta di Santa Croce (1.184 m.), le quote 1.129 e 1.004, il colle Cicurro e Valvori.
  19. ^ Rapporto n. 459/CEF/3/TS del 28 gennaio 1944, in Georges Boulle, Op. Cit., pag. 109.
  20. ^ Karl Mehner, a cura di, Die geheimen Tagesberichte der deutschen Wehrmachtsführung im zweiten Weltkrieg 1939-1945, Band 9: 1. Dezember 1943-29. Februar 1944, Biblio Verlag, Osnabrück, 1987, pag. 244.
  21. ^ Ibidem, pag. 248.
  22. ^ Cfr. Alberto Turinetti di Priero, La battaglia del Belvedere, www.dalvolturnoacassino.it,
  23. ^ Georges Boulle, Op. Cit., pag. 112.
  24. ^ I tedeschi, dopo la partenza dal fronte del Pz. Gren. Rgt. 8, schierarono il Gebirgs-Jäger-Regiment 85 davanti al settore “San Biagio”, il Gebirgs-Jäger-Regiment 100 alla sua destra ed il Hochgebirgs-Jäger-Bataillon 3 dalla Costa San Pietro al monte Mare.
  25. ^ “Victoire en Italie”, Op. Cit., pag. 106.
  26. ^ Robin Kay, Italy, Vol. II, From Cassino to Trieste, New Zealand in the Second World War 1939-45 , Historical Publications Branch of Internal Affaire, Wellington, New Zealand, 1967, pag. 49.
  27. ^ Salvatore Ernesto Crapanzano, Il Corpo Italiano di Liberazione (aprile-settembre 1944), Stato Maggiore dell’Esercito, Ufficio Storico, Roma, 1971.
  28. ^ Robin Kay, Op. Cit, pag. 61.

Bibliografia

Nel caso in cui il testo derivi sempicemente dall'esposizione, con o senza traduzione, di documenti/memorie al solo fine di una migliore e più completa fruizione, la definizione Autore si leggerà A cura di.

Articoli associati

LA 5A DIVISIONE CACCIATORI DA MONTAGNA (5. GEBIRGSJÄGERDIVISION)

L'autore ne traccia una breve cronistoria dalle montagne della Grecia all'isola di Creta, dal fronte di Leningrado alla Linea Gustav, dalla ritirata in Italia alle Alpi occidentali, fino alla sua resa agli alleati.

05/02/2005 | richieste: 5787 | ALBERTO TURINETTI DI PRIERO
Spigolature | gebirgsjäger, germania, unità-reparti

184° REGGIMENTO PARACADUTISTI - LA CONQUISTA DI MONTE CAVALLO

Il 184° Reggimento Paracadutisti, inquadrato nel C.I.L., partecipa all'offensiva della primavera '44, conquistando importanti posizioni e favorendo la presa dell'importante nodo stradale di Atina.

02/12/2003 | richieste: 4041 | VARI
Le battaglie | #maggio 1944, italia, paracadutisti, unità-reparti

LA BATTAGLIA DELLE MAINARDE - I COMBATTIMENTI SUL FRONTE ITALIANO NELL'INVERNO 1943-44

Il Comandante delle forze tedesche, il generale Ringel, assume la responsabilita' del settore delle Mainarde il 22 dicembre 1943 e dispone dell'85° e 100° reggimento di fanteria, un reggimento di artiglieria da montagna, vari battaglioni da ricognizione, del raggruppamento "Bode" costituito dal 576° reggimento gia' della 305ª divisione e del III° battaglione indipendente cacciatori alpini.

07/02/2003 | richieste: 6651 | FRANCESCO ARCESE
Le battaglie | #dicembre 1943, #gennaio 1944